Weekend con mio cognato – parte 2

By | 14/12/2015

Dopo quel week end particolare con  mio cognato,non feci altro che pensare a quello che era successo tra noi.Il mio pensiero andava sempre sul quel bel cazzo che penetrandomi mi aveva dato sensazioni indescrivibili.Il mercoledì successivo,mia cognata ci telefonò per invitarci a pranzo per la domenica.Speravo che in quell’occasione,quando io e Pasquale ci saremmo rivisti,avremmo avuto l’occasione di parlare per conto nostro,lasciando le sorelle alle loro chiacchiere.

Fortunatamente la domenica dopo pranzo l’occasione non mancò,Pasquale disse a Michela che io e lui saremmo usciti a fare due passi e così,mentre ci incamminammo, appena allontanati da casa ,affrontai subito l’argomento del sabato passato insieme,dicendogli che anche se era stata la prima volta, la cosa mi era piaciuta e che avrei avuto il desiderio di ripeterla.

Eravamo vicino ad una panchina così ci sedemmo e appena seduti ,Pasquale mi rispose che quella bella inculata era piaciuto anche a lui,poi aggiunse : – visto come sono ora i nostri rapporti, voglio metterti al corrente di cose che non ho mai detto a nessuno e che riguardano anche te.

Iniziando  il discorso disse : – vedi,nella famiglia delle nostre mogli ci sono entrato diversi anni prima di te e voglio confidarti  che mi sono sposato Michela,ma che quel periodo prima di sposarci,Angela aveva 18 anni e di nascosto dalla sorella scopava con me. Lambè,che dovevo fare, sono un uomo,mi provocava così  per lei fui il suo primo cazzo,quello che la sverginò.

Spero che tu non sia arrabbiato,d’altronde non l’hai trovata vergine e neanche inesperta perché io gli ho insegnato molte cose.Poi continuò la sua storia : – Visto ormai il rapporto che c’è tra noi, ti voglio anche dire che il io primo rapporto con un uomo fu il nostro cognato Tonino,a quel tempo quindicenne,che come tutti  sanno ,da anni ha tendenze particolari.

Un giorno lui,benchè infrattatati  ,beccò me e la tua futura moglie mentre in macchina mi stava facendo una sega .Da quel giorno iniziò il suo ricatto.Se volevo il suo silenzio,avrei dovuto acconsentire ai suoi  desideri,praticamente voleva giocare con il mio cazzo .Io per non far scoprire tutti gli altarini ,cedetti e così nei giorni a seguire appena potevamo ,gli permettevo di farmi le seghe,ma lui dopo poco tempo non si accontentò e volle prenderlo anche nel culo.

Fui il primo anche  con lui,ricordo molto bene quando per la prima volta prese un cazzo nel culo ,gli fece male e per  una settimana non ci frequentammo , poi  lui fece in modo di ritrovarsi solo con me e dato che piaceva anche a me,tornammo ad incontrarci ed io lo inculavo sempre più selvaggamente.Devo dire che quel periodo, preferivo più inculare lui che scoparmi  le sorelle .

Fu Tonino che dandomi l’opportunità di assaggiare il culo di un uomo innescò il desiderio di avere rapporti anali con altri del mio stesso sesso.Sai quante volte ho desiderato  farlo con te e non ho mai avuto il coraggio? Tante volte ho immaginato di  infilartelo nel culo!Poi,anche se tardi è finalmente arrivato il nostro momento.Spero che capirai il mio comportamento con Angela,ma come ti ho detto lei desiderava farsi scopare da me e io l’ho fatto,lo avresti  fatto anche tu,no?

In quel momento il mio unico desiderio era quello di ripetere l’esperienza del week end passato e non mi importava che aveva scopato la mia futura moglie,così gli chiesi se quel pomeriggio ,visto che le sorelle stavano tranquillamente in casa,sarebbe stato disposto a venire a casa mia, che era a circa 15 km da lì per ripetere l’inculata  come il sabato precedente.D’accordo con me tornammo indietro a prendere la macchina,tranquillizzammo le nostre mogli,dicendole che andavamo a trovare un amico.

Così arrivati a casa mia,senza perdere tempo ci togliemmo subito pantaloni e slip e cominciai a prenderglielo in mano e accarezzargli le palle.Il tocco della mia mano lo fece crescere in un batter d’occhio,mi sembrava più grosso del solito ed era decisamente più del doppio del mio .Poi  cominciai a leccarglielo,non mi sembrava vero di averlo di nuovo a mia disposizione,pensai a quanto tempo avevo perso non avendolo fatto  prima,ma in quel momento non vedevo l’ora di sentirlo nuovamente dentro di me,così lo tolsi  dalla mia bocca e mettendomi in ginocchio con le mani sul divano,gli  dissi di prendermi.

Mio cognato non se lo fece ripetere,bagnò  con la saliva il mio ano,il suo cazzo e senza perdere altro tempo me lo puntò .Iniziò a spingere,ma questa volta lo spinse subito con forza,per la verità mi fece male,ma con un solo colpo entrò tutto dentro di me.

Iniziò subito ad incularmi con forza,dicendomin che ero la sua puttana e che mi avrebbe aperto il culo come non mai.Io dopo quell’inizio un po’ doloroso,cominciai a godere,il suo cazzo lo sentivo fino alla pancia e con una mano mi segai fino a sborrare sul pavimento.

Anche lui stava per venire,ma questa volta lo sfilò dal mio culo e me lo mise in bocca,scaricandomi dentro tutta la sua sborra.Dopo quel pomeriggio, i rapporti con mio cognato sono diventati più frequenti e ormai per il godimento di entrambi,non passano più di dieci giorni tra un ‘inculata e l’altra..

Ultime Ricerche: